martedì 18 luglio 2017

il Commento dei commenti: Game of thrones 7x01

Dopo referendum falliti e alleanze politiche….
Dopo decreti per introdurre come obbligatori i vaccini contro il morbo grigio…
Dopo elezioni regionali che hanno portato persino GiòSnò, ultimo dei pecorari, a diventare governatore regionale…
Dopo cambiamenti climatici che “signora mia, non ci sono più le mezze stagioni”, tant’è che l’inverno arriva a luglio….
MA POTEVA MAI MANCARE IL MIO COMMENTO ALLA SETTIMA STAGIONE DI GAME OF THRONES?
NO!
E INFATTI
ECCHICE QUA
                                                                          
Si regà, pure io vo voglio bene assaje.

Se per caso non vi ricordate cosa è successo a WestItaly l’ultima volta che ci siamo visti potete fare un riepilogo veloce qui, se invece avete già fatto la maratona di puntate e di commenti, allora possiamo cominciare subito con la nostra narrazione.

Dove è ambientata la prima scena della nuova stagione? Rome’s landing? GrandePiemonte? In Molise (AHAH! Ma non esiste!)? NO!

Siamo a Comacchio, nel bel mezzo della pianura padana: quel simpaticone di Frey ha montato quattro tavolini in piazza, invitando tutti i suoi settordicimila figli da lui con la scusa che devono girare una puntata in esterna di Masterchef. Tutti i suoi figli,allora, si fanno belli e si lavano quegli horendi cappellini perché vogliono fare bella figura con Joe Bastianich: peccato però che nessuno ricorda che Masterchef ha già fatto tappa a Comacchio (vedi che succede a vedere le puntate sui siti di pirate streaming?) e quindi nessuno ci pensa che può essere un GOMBLOTTOHHH. Oh, ad aver avuto un po’ di spirito pentastellato almeno qualcuno si sarebbe salvato. E invece succede che Arya ha svaligiato un cinese a carnevale e si è comprata tutte le maschere che ha trovato, compresa quella di Frey ed ha messo in tavola tutti i sottoli che ha trovato in dispensa. Non ci ha pensato proprio al rischio botulino delle conserve della nonna.
E quindi ci restano tutti secchi.
OH, COME MI DISPIACE
Livello: il pranzo della domenica.

Intanto inquadratura di un’orda di non morti che passeggiano, tipo intervallo della RAI (un po’ meno rilassante)
                                                            
Livello: carosello
Oh, ma chi si rivede? Bran! Lo avevamo lasciato in Molise e sta già alla barriera del Brennero! Questo perché, se viaggi di notte quando lo svincolo di San Benedetto del Tronto è libero, anche se vieni spinto a braccia da Meera tempo due ore e sei già lì. E quindi decide di autoinvitarsi alla barriera e presentare la domanda di invalidità al 100% lì, che da quelle parti “prima gli eeetalianeeee! Poi i bruuuuuteee” è il motto locale, sia mai che ci scappa la carrozzella a motore a questo giro, sono sette stagioni che la aspettiamo.
Bran, il tipo che sta alla barriera come lord commander e che non mi ricordo il nome, so solo che è addolorato più della Madonna, la neve, la Barriera, tutte cose così interessanti per me
                                                                           
Livello: 104 

A GrandePiemonte assistiamo al secondo consiglio regionale della giunta Snò, che da quando hanno deciso che devono fare tutto in diretta streaming ormai sappiamo anche gli orari delle minzioni quotidiane. Qui è tutto un gioco di equilibri ed alleanze politiche: Giòsnò si chiede se il MoVimento 5 Bruti sia affidabile, mentre Sansa è più per i muscugli da Prima Repubblica, con tanto di lancio delle monetine sulle casate degli Umber e dei Karstark. Anche in questo consiglio regionale a spiccare su tutti è lady Cazzimma Lyanna, che inizia a sciorinare davanti agli astanti le teorie politiche de gasperiane, riassumibili nella massima latino-romanesca “sta mano po esse fero o po esse piuma”.  Mentre la piccola Lyanna-stupor-mundi parla, a Giò viene in mente una trovata alla Renzi maniera; decide di mettere i milleniars nella direzione nazionale del partito degli ignoranti da lui fondato. La triade delle meraviglie sarà così composta da
-Lyanna
- la bionda slavata di casa Karstark che sembra la sorella sfigata di Noemi Letizia
- il piccoletto di casa Umber che può solo accompagnare.
Sansa è over 15 ed ha già avuto il menarca, pertanto
                                                                   
Sansa sprizza gioia da ogni poro. È troppo svejo su fratello. Er più svejo. Così svejo che se chiude n’altro po’ l’occhi diventa uguale spiccicato a su padre e su fratello. Su na picca.
Livello: uomo avvisato…

Ed eccoci a Rome’s Landing: Cercei Raggister, per cercare di ingraziarsi le folle, decide di far fare un murales, che vanno tanto di moda, tipo quello di Zero calcare a Rebibbia. E lo sta facendo proprio lui, Zero calcare, il padre però.
Cercei fa le prove per il taglio del nastro, quando arriva Jaime. Fra i due il confronto è acceso, lui gli rinfaccia la mancata candidatura di Rome’s Landing alle Olimpiadi dei sette regni, lei gli dice che nei sondaggi loro staccano di tre punti gli altri partiti e via di questo passo. Le chiacchiere stanno a zero però, perché Cercei deve andare a girare la puntata di “Uomini, Donne e Septor” perché sta facendo la tronista.  Vai con la sigla Maria

Fra i corteggiatori, Euron Greyjoy, con il capello tosato, unto e bisunto che manco chef Rubio. Dal momento che in questa stagione mancherà il nostro bel DaaAaAAAAAAAAAAAaaaaAaAario, direi che possiamo anche cedergli la corona del più phego per quel che mi riguarda.

Euron capisce che Cercei non vuole portarlo in esterna e le dice che tornerà in puntata non appena avrà trovato il regalo giusto per lei.
Livello: Voglio farti un regalo, qualcosa di dolce, qualcosa di raro.

Sam affronta le sue prime giornate alla Normale. Bello eh, per carità, le lezioni, le cose nuove, la biblioteca, gli amichetti, la torre con il fuoco sacro che (non) pende, ma questa storia degli atti di nonnismo da parte dei più anziani sta un pochino sfuggendo di mano a tutti.
 Livello: enterogermina

A GrandePiemonte Sansa che parla con Ditocorto, Sansa che parla con Brienne.
 “Ma lui cosa vuole?” 
“lo so io cosa vuole!”
 Roba che se rivedete questo dialogo in inglese con accento sudamericano vi esce una canzone di Pitbull
                                                                                

Livello: I know you want me, You Know I want cha

Arya invece cavalca in giro per WestItaly: in un parco pubblico trova una banda di giovanotti intenta a cantare le bionde trecce di Battisti, ad arrostire carne e montare tende. Un po’ boyscout un po’ falò di fine anno.
E poi ad un certo punto:
                                                                            

Boh, mi sembra di averlo già visto sto giovanotto. Forse era uno dei fratelli di Ron Weasley in Harry Potter.
Livello: Oh my pretty little Galway girl NANANANAANANANANA!

Ehi amici! Guardate chi c’è adesso! Il mio personaggio preferito! Il Mastino! Oh le sue imprese! Che inenarrabili storie racconta ogni volta che compare! Le sue scene son ‘sì pregne di significante! Devo inserire una gif che uso all’uopo per lui già dalle passate edizioni del commento dei commenti:
                                                                      


  E mentre Sam finalmente comincia ad ingranare con i primi esami universitari, sebbene abbia qualche problema con l’esame di virologia e analisi del caso pratico su Jorah, arriva il momento dell’ultima scena.
Lei.
La mamma dei draghi e della ‘nduja.
Dopo aver solcato il mare stretto (di Messina) arriva a Reggio Dragon Calabrianstone a bordo dei traghetti della Tirrenia e della Caronte. Dopo anni di esilio è finalmente giunta nel continente.
Appena mette piede su suolo westitalico bacia per terra come faceva Giovanni Paolo II alla fine di ogni viaggio. La nostra papessa Giovannaerys apre le porte della sua magione dopo aver fatto settemila scale a piedi (“che se sa, signora mia, in questi stabbili d’epoca antica nun ce poi fa' manco un soppalco, figurasse l’ascensore”), mentre i suoi tre ometti draghetti sono già volati a giocare in spiaggia che tanto manco bisogno della crema solare hanno.
E mentre cammina nei luoghi a lei noti e familiari, negli occhi c’è lo stesso luccicore di Heidi quando da Francoforte torna finalmente  fra le sue amate montagne, dal suo nonnino.
“Shall we begin?” chiede a Tyrion.
“’ncuminciamo a ‘mpastà un pani, che duoppo avim e far a sasizza”
Livello: benvenuti al Sud


Anche per questa stagione abbiamo iniziato alla grande: caldi e carichi ci vediamo martedì prossimo con il commento dei commenti alla seconda puntata. 

Nessun commento:

Posta un commento